Democrazia come partecipazione Lelio Basso e il PSI alle origini della Repubblica

Democrazia come partecipazione

Lelio Basso e il PSI alle origini della Repubblica

Anteprima
Intellettuale socialista, membro dell’Assemblea Costituente, studioso del marxismo e del pensiero politico, parlamentare della Repubblica, Lelio Basso è stato anche uomo d’azione e leader di partito. Sulla base di una vasta documentazione d’archivio in buona parte inedita, questo volume racconta la storia del suo rapporto con il PSI dalla Resistenza alla vigilia del 18 aprile 1948, sullo sfondo del conflitto mondiale, dei drammatici scontri sociali del dopoguerra e della divisione del mondo in blocchi. Basso credeva fermamente nelle potenzialità del PSI, e si adoperò per farne un moderno partito di massa, in grado di guidare uno schieramento progressista alternativo a quello democristiano. Basso era altresì convinto che la democrazia non potesse ridursi all’esercizio del voto, ma che dovesse continuamente nutrirsi della partecipazione attiva dei lavoratori e dei ceti sociali emarginati, anche se fino ad allora completamente estranei alla politica. Si impegnò pertanto a tradurre in termini pratici tale aspirazione, provando a fare del PSI uno strumento di alfabetizzazione democratica e un luogo per praticare democrazia. Il progetto bassiano venne tuttavia vanificato dallo scontro ideologico della guerra fredda: la politica come educazione alla partecipazione democratica venne sconfitta dalla politica di potenza. Non fu però vanificato il contributo dato da questa esperienza alla nascita e allo sviluppo di un moderno sentimento di cittadinanza nel nostro paese.

Dettagli libro

Sull'autore

Emanuele Rossi

Emanuele Rossi è dottore di ricerca in Studi storici per l’età moderna e contemporanea presso l’Università di Firenze. Su Basso ha pubblicato il saggio Rinnovamento e rottura della continuità nella proposta politica di Lelio Basso (2000), e ha partecipato alla realizzazione del film La democrazia dinanzi ai giudici. Lelio Basso e i “ribelli” dell’Amiata (2003).

Ti potrebbe interessare