Il posto di ciascuno Fratelli, sorelle e fratellanze (XVI-XIX secolo)

Il posto di ciascuno

Fratelli, sorelle e fratellanze (XVI-XIX secolo)

Anteprima Scarica anteprima
Cosa significava avere un fratello o una sorella nell’Europa di antico regime? In che modo funzionava la rete dei sostegni parentali in un mondo di rapporti poco “liquidi”, nel quale il familismo non aveva una connotazione negativa? Questo libro affronta tali questioni osservando anzitutto come si comportavano i fratelli tra loro e quanto litigavano sulle cose di casa; ma si occupa anche dell’amore fraterno come ideale cristiano e dello spirito che animava le fratellanze di mestiere o che serrava i ranghi dei fratelli in armi. Ogni relazione tra fratelli e sorelle aveva e ha una doppia vita: quella delle esistenze quotidiane, che lo scavo negli archivi restituisce nella sua materialità; e quella pensata, immaginata, idealizzata nei discorsi e raffigurata nei dipinti. I quadri, la disposizione delle stanze nelle piante degli architetti, i trattati giuridici, quelli di medicina e di geografia, le decisioni dei tribunali e persino gli atti notarili servivano infatti a definire la posizione da ricoprire all’interno di un gruppo coeso di simili: un posto ben preciso che ciascuno poteva accettare serenamente, avversare con violenza, negoziare morbidamente e, talvolta, apertamente negare, ma che era inequivocabilmente il suo.

Dettagli libro

Sull'autore

Benedetta Borello

Benedetta Borello è professore a contratto di Storia moderna all’Università di Roma 3, si è occupata a lungo di storia delle élites italiane e di storia della famiglia in Europa tra XV e XIX secolo

Ti potrebbe interessare

Nuovo

, e 5 altri