Il lavoro, la povertà, l’assistenza Ricerche sulla società

Il lavoro, la povertà, l’assistenza

Ricerche sulla società

Anteprima
Nel basso Medioevo una parte importante della popolazione urbana era costituita da manodopera dipendente impegnata nella manifattura tessile, nei grandi e piccoli cantieri edili, nell’attività metallurgica, nei cantieri navali e nelle attività portuali, e infine nelle maggiori botteghe artigiane, dove al servizio del maestro operavano apprendisti e lavoranti. Nei confronti dei lavoratori sottoposti la considerazione e l’atteggiamento degli strati sociali superiori oscillarono tra diffidenza, pietà e timore. I lavoratori non specializzati – stante il basso livello dei salari – erano potenzialmente dei poveri, talvolta dei poveri pericolosi. Nel corso del XIII secolo, sotto la spinta iniziale di istanze religiose, si svilupparono attività assistenziali, nuove e originali, che mirarono ad attutire il disagio e l’indigenza. Le autorità pubbliche ebbero presto un ruolo di primo piano in questo processo, spinte anche dal timore di conseguenze negative per l’ordine pubblico e per l’economia cittadina. Conoscere meglio quali furono l’organizzazione del lavoro, la tipologia della manodopera impiegata, le competenze e le abilità richieste, i contratti di ingaggio, i salari corrisposti e i livelli di vita conseguenti (a partire dai regimi alimentari), e ancora gli istituti ospedalieri e le confraternite assistenziali significa far luce su aspetti non secondari della società e dell’economia del tempo.

Dettagli libro

Sull'autore

Giuliano Pinto

Giuliano Pinto insegna Storia medievale presso l’Università di Firenze. Si è occupato in particolare di storia sociale, economica e demografica del basso Medioevo italiano. Tra i suoi studi ricordiamo Città e spazi economici nell’Italia comunale (Bologna 1996), La società medievale (curato con S. Collodo, Bologna 1999), Campagne e paesaggi toscani del Medioevo (Firenze 2002).

Ti potrebbe interessare