Il ghetto di Roma nel Cinquecento Storia di un’acculturazione

Il ghetto di Roma nel Cinquecento

Storia di un’acculturazione

Anteprima Scarica anteprima
Nel luglio 1555, con la bolla Cum nimis absurdum papa Paolo IV limitò i diritti della comunità ebraica dello Stato della Chiesa e impose l’istituzione del ghetto. Da quel momento in poi, gli ebrei a Roma avrebbero dovuto vivere in una o più strade contigue, separate dalle abitazioni dei cristiani. Questa imposizione fu accompagnata da varie clausole, quali il divieto di avere servitù cristiana, la possibilità di commercio solo di stracci e vestiti usati e l’obbligo di portare il cappello o il fazzoletto giallo per uomini e donne. Lo scopo primario del ghetto doveva essere quello di accelerare la conversione degli ebrei e la dissoluzione della loro cultura, ma ‒ come qui mostra Kenneth Stow, uno dei massimi esperti di storia degli ebrei italiani ‒ già prima del 1555 gli ebrei romani avevano sviluppato modelli di comportamento individuali e comunitari in grado di poterli sostenere anche nei periodi più duri. Dopo la creazione del ghetto riuscirono a rafforzare ulteriormente le proprie strategie di acculturazione e a sviluppare quindi una microcultura che ne salvaguardò l’identità attraverso i secoli. Grazie ad un sapiente gioco delle parti, gli ebrei romani misero in scena un «teatro sociale» in grado di farli sopravvivere, restando ebrei e romani, all’interno di un ambiente cristiano che le gerarchie ecclesiastiche avrebbero voluto dominante e oppressivo.

Dettagli libro

Sull'autore

Kenneth Stow

Kenneth Stow è professore emerito di Storia ebraica presso l’Università di Haifa e ha diretto la rivista «Jewish History» per venticinque anni. Tra le sue numerose pubblicazioni: Alienated Minority: The Jews of Medieval Latin Europe (Harvard University Press 1993), The Jews in Rome (2 voll., Brill 1995-1996) e Jewish Dogs: An Image and Its Interpreters (Stanford University Press 2006).

Ti potrebbe interessare