«Fare diligente inquisitione» Gian Pietro Carafa e le origini dei chierici regolari teatini

«Fare diligente inquisitione»

Gian Pietro Carafa e le origini dei chierici regolari teatini

Anteprima
Nel 1524, sette anni dopo le rivoluzionarie tesi di Lutero, il vescovo di Chieti Gian Pietro Carafa (poi papa Paolo IV) istituì la compagnia dei chierici regolari teatini in vista dei suoi progetti di rinnovamento della Chiesa. Orientati dalla guida del loro spregiudicato fondatore, i teatini si specializzarono nel controllo della corruzione del clero e nella repressione del dissenso eterodosso, consentendo al Carafa di raggiungere i vertici della gerarchia ecclesiastica e di imporre il supremo potere del Sant’Ufficio romano, la sua personale creatura, cui dedicò tutta la vita. Fu la tenace azione politica e religiosa del futuro pontefice ad avviare la lunga età della Controriforma, imprimendole una rigorosa intransigenza dottrinale e morale. Il libro propone nuovi elementi di giudizio e una nuova interpretazione sulla nascita dell’Inquisizione - la cui origine prima è da cogliere nelle deleghe ad personam che il vescovo di Chieti ottenne dai papi Clemente VII e Paolo III - e sulle modalità con cui i teatini abbandonarono le pratiche caritative tipiche degli istituti religiosi del periodo, condensate nell’esperienza della confraternita del Divino Amore da cui discendevano, per impegnarsi totalmente nella lotta contro l’eresia.

Dettagli libro

Sull'autore

Andrea Vanni

Andrea Vanni, dottore di ricerca in Storia della società europea in età moderna, è autore di saggi sulla storia religiosa del Cinquecento.

Ti potrebbe interessare

EPUB PDF

EPUB PDF