«Camminare col proprio tempo» Il femminismo cristiano di primo Novecento

«Camminare col proprio tempo»

Il femminismo cristiano di primo Novecento

Anteprima Scarica anteprima
Italia, primi del Novecento. La Chiesa, sotto il pontificato di Pio X, inasprisce le sanzioni disciplinari nei confronti di ogni tentativo di rinnovamento, proprio mentre alcune organizzazioni milanesi sperimentano forme nuove di impegno sociale e di partecipazione democratica. Tra queste anche il Fascio femminile (attivo a Milano tra il 1901 e il 1908), dotato di un progetto particolarmente originale per gli strumenti e le idee: rivendica per le donne i fondamentali diritti civili e politici, fino ad avvicinarsi, per alcuni aspetti, alle battaglie del femminismo laico. Questo volume si propone di indagare l’evoluzione delle posizioni del femminismo cristiano attraverso il caso milanese, mettendone in evidenza il ruolo di ricettore e catalizzatore di una fitta rete di rapporti sia con le varie anime dell’emancipazionismo e del riformismo religioso che con l’ambiente della diocesi ambrosiana e della curia romana, evidenziando per ognuno di essi le continuità e le cesure. L’accanimento con cui la propaganda antimodernista si scagliò contro questa esperienza, testimoniato anche da documenti inediti, e la soppressione improvvisa del periodico «Pensiero e Azione» sono forse la prova più chiara di quanto il ruolo delle donne fosse una delle questioni chiave del rapporto tra Chiesa e società moderna. Allora come oggi.

Dettagli libro

Sull'autore

Isabella Pera

Isabella Pera è dottoranda di ricerca in Storia moderna e contemporanea presso l’Università degli studi di Firenze, svolge da alcuni anni studi di Storia della Chiesa, con un interesse specifico per una lettura di genere delle fonti. Ha pubblicato, oltre a diversi saggi in riviste e testi miscellanei, il volume Un piccolo sogno di Dio. La comunità di Santa Maria a Bicchio. Realtà e valori di un’esperienza ecclesiale degli anni Sessanta, Marietti, 1999. Ha collaborato al censimento dei nuclei di documentazione femminile per le province di Pisa, Lucca e Pistoia nell’ambito del progetto di ricerca promosso dall’associazione “Archivio per la memoria e la scrittura delle donne”, con sede presso l’Archivio di Stato di Firenze e al catalogo a cura di Silvia Franchini, Monica Pacini e Simonetta Soldani, Giornali di Donne in Toscana. Un catalogo, molte storie (1770-1945), Firenze, Olschki, 2007

Ti potrebbe interessare

, e 1 altri

EPUB PDF